Il Ministero delle Finanze della Nigeria collabora

Il Ministero delle Finanze della Nigeria collabora con la SEC su Crypto Framework

Il 24 novembre il Ministero delle Finanze della Nigeria ha dichiarato che collaborerà con la SEC del paese per stabilire un quadro normativo completo per la regolamentazione delle attività criptate a beneficio di tutte le parti interessate.

La notizia arriva due mesi dopo che la SEC della Nigeria ha rilasciato un codice che riconosce il trading di cripto trading come attività regolamentata e classifica i cripto asset come titoli.

La Nigeria sta attualmente assistendo ad un’ampia adozione della crittografia Bitcoin Profit come controllo del capitale, la scarsità di forex e la svalutazione della valuta spingono le aziende e gli individui ad abbandonare il fiat.
promo

Il Trust Project è un consorzio internazionale di organizzazioni giornalistiche che costruisce standard di trasparenza.

Il Ministero Federale delle Finanze della Nigeria collaborerà con la Securities and Exchange Commission (SEC) del paese per sviluppare un documento normativo completo per la supervisione del trading e dell’utilizzo della crittovaluta nella più grande economia africana.

Questo è stato rivelato a Lagos il 24 novembre al ‚Fintech In Nigeria‘: State Of Play“ organizzata da The Economist Intelligence Unit e Mastercard.

Parlando all’evento, il Consigliere Speciale per l’ICT del Ministro Armstrong Takang ha dichiarato che il governo nigeriano „vede un’opportunità“ nell’adozione della crittografia e della catena di blocco, e quindi creerà una regolamentazione che andrà a beneficio di tutti gli stakeholder.

Il Governo Cripto-Skeptic della Nigeria arriva finalmente

Il 14 settembre BeInCrypto ha riferito che la SEC nigeriana ha classificato ufficialmente i cripto assets come titoli e ha quotato il cripto trading come attività regolamentata secondo le regole della SEC.

Mentre l’annuncio segnava la prima volta che un’autorità di regolamentazione finanziaria nigeriana aveva adottato una posizione definitiva sulla crittovaluta, non rappresentava una regolamentazione completa dello spazio in assenza di una parola da parte della Banca Centrale della Nigeria (CBN).

Il nuovo annuncio è la tanto attesa conferma ufficiale che il governo nigeriano, ad un certo punto, riconoscerà e legalizzerà pienamente l’uso dei beni criptati.

Parlando della prevista collaborazione tra il Ministero delle Finanze e la SEC, Takang ha anche menzionato che, a causa delle implicazioni transfrontaliere dell’uso di cripto, il Ministero delle Finanze sta lavorando anche con il Ministero dell’Industria e del Commercio e con la dogana nigeriana.

Il crittografo è un elemento fondamentale nell’economia in difficoltà

Spinti dalle dure realtà economiche in un’economia afflitta da rigidi controlli sul capitale, dalla carenza di forex e da un differenziale di cambio del mercato nero che tocca il 33%, i nigeriani si stanno rivolgendo a bitcoin come soluzione, con numeri da record.

Nonostante la mancanza di chiarezza normativa del CBN, le borse come Binance e Buycoins Africa sono state in grado di stabilire rapporti bancari con istituzioni finanziarie regolamentate dal CBN, che eliminano la necessità per gli utenti nigeriani di acquistare cripto con pochi dollari USA.

Come si vede qui di seguito, questo ha contribuito a trasformare il bitcoin nello strumento di cambio di fatto per i nigeriani di tutti i giorni che cercano di effettuare scambi internazionali o di sottrarre la loro ricchezza alla naira locale (NGN).

Dieser Beitrag wurde am 25. November 2020 veröffentlicht, in Krypto. Setze ein Lesezeichen mit dem Permanentlink.